ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1928-29 Sestrese
1°D
ND ND
1929-30 Sestrese
1°D
ND ND
1930-31 Sampierdarenese
B
29
-
1931-32 Roma
A
1
-
1932-33 Roma
A
-
-
1933-34 Roma
A
-
-
1934-35 Roma
A
1
-
1935-36 ND ND ND ND
1936-37 ND ND Nd ND
1937-38 Acqui

C

ND ND
Dati anagrafici
Cognome Zucca Nome Giovanni
Nato a Sestri Ponente (Genova) Data 11/12/1907
Altezza ND Peso ND
Esordio 28/2/32, Roma-Alessandria 1-2 Ruolo Portiere
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 -
 -
-

 

Si mette in luce giocando un paio di buone annate nella squadra della sua città natale, la Sestrese, ove viene notato dagli osservatori della Sampierdarenese, la seconda squadra di Genova, sempre alla ricerca di elementi dell'entroterra in grado di reggere il confronto con il grande caclio. Bravo tra i pali, non ha un grandissimo fisico, come del resto i portieri della sua epoca e deve supplire con coraggio e doti acrobatiche a questa lacuna. Un ottimo torneo di serie B, lo pone all'attenzione generale come portiere di sicuro affidamento, anche in considerazione della giovane età, che fa prevedere ulteriori sviluppi a livello tecnico. Gli osservatori cominciano a guardarlo con una certa curiosità e lui ripaga le attenzioni con prestazioni di un certo rilievo. Anche la dirigenza della Roma, alla ricerca di un buon portiere di riserva per Guido Masetti, comincia ad interessarsi a lui e nell'estate del 1931, Zucca arriva nella capitale. Ove però, non riuscirà mai a ritagliarsi uno spazio suo, anche perchè il portierone veronese non perde un colpo e lascia al suo vice soltanto le briciole. In quattro stagioni, riesce a giocare la miseria di due partite, per il resto tanta tribuna aspettando qualche passaggio a vuoto del più illustre titolare. Che non arriva mai, anzi. Il povero Zucca finisce ben presto ai margini della prima squadra ad osservare dalla tribuna le evoluzioni dei compagni e quando viene chiamato in campo, non riesce ad impressionare molto tifoseria e critica specializzata, soprattutto a causa del paragone con un portiere che è a pieno titolo nella leggenda di Testaccio. E' difficile giocare una volta ogni tanto e continuare a rimanere concentrati sapendo che assai difficilmente la domenica ci sarà una maglia da titolare e anche il morale risente della situazione creatasi. Zucca, può in parte consolarsi pensando che è solo una delle tante vittime lasciate sul terreno da Masetti, nel corso della sua lunghissima carriera e neanche la più illustre. Dopo l'esperienza romana, si perdono del tutto le sue tracce.

 

 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.