ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1936-37 Udinese
C
11
-
1937-38 Udinese
C
26
-
1938-39 Udinese
C
16
-
1939-40 Udinese
B
33
2
1940-41 Udinese
B
24
3
1941-42 Udinese
B
33
1
1942-43 Milan
A
25
1
1944 Milan
C
14
-
1945-46 Milan
A
37
2
1946-47 Sampdoria
A
36
-
1947-48 Sampdoria
A
37
-
1948-49 Sampdoria
A
29
-
1949-50 Udinese
B
38
12
1950-51 Udinese
A
15
-
1951-52 Udinese
A
15
1
1952-53 Udinese
A
27
4
1953-54 Udinese
A
24
2
1954-55 Udinese
A
17
-
1955-56 Udinese
B
1
-
Dati anagrafici
Cognome Zorzi Nome Luigi
Nato a Passons (Udine) Data 04/05/1920
Altezza ND Peso ND
Esordio 4/10/42, Juve-Milan 1-1 Ruolo Terzino
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 -
 -
-

 

Fa tutta la trafila delle minori nell'Udinese, per poi diventare un punto fermo in prima squadra. Fa il suo esordio giovanissimo in serie C, giocando come ala, ma poi si porta sulla linea dei terzinie dimostra di essere un difensore di ottimo livello. Rapido, forte in anticipo e nei recuperi, sa come posizionarsi al meglio per intercettare i lanci avversari. E poi, è deciso nei contrasti e forte di testa. Nell'estate del 1942, va al Milan, ove conferma di essere giocatore di ottimo livello. Purtroppo, arriva la guerra, e lui è tra i tanti che perdono due anni di carriera, anche se ancora può ringraziare di non rimetterci qualcosa di più importante, come invece succede ad altri. Alla ripresa, veste ancora rossonero e conferma ciò che si sapeva di lui, tanto da essere convocato in Nazionale. A questo punto arriva la nuova Sampdoria e tira fuori un bel numero di milioncini per assicurarsene le prestazioni e si trasferisce sotto la Lanterna, ove per tre anni si fa rispettare, sbagliando poche gare. Nell'estate del 1949, se ne torna a casa, ad Udine e a suon di reti contribuisce alla promozione delle zebrette friulane in serie A. Gioca ancora sino al 1955-56, aiutando non poco la società di Bruseschi ad entrare nella aristocrazia del calcio italiano. Solo nell'ultima stagione, a 35 anni suonati, comincia a dare vistosi segni di cedimento. A quel punto, prende atto della pratica impossibilità di resistere al tempo e smette. 

 

 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.