ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1948-49 Sokol Kosice
1949-50 Pro Patria
A
37
1
1950-51 Pro Patria
A
31
1
1951-52 Napoli
A
26
4
1952-53 Napoli
A
31
-
1953-54 Napoli
A
32
-
1954-55 Napoli
A
25
1
1955-56 Spal
A
28
4
1956-57 Spal
A
23
1
Dati anagrafici
Cognome Viney Nome Eugen
Nato a Moskole (Ungheria) Data 09/12/1922
Altezza ND Peso ND
Esordio 11/9/49, Roma-Pro Patria 2-0 Ruolo Terzino
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 2
 -
12/06/1948
Cecoslovacchia-Francia 0-4

 

E' nato in Ungheria, ma calcisticamente si afferma in Cecoslovacchia, col Sokol Kosice, arrivando anche in nazionale. Nel 1949, lo chiama la Pro Patria, alla ricerca di validi rinforzi che non rendano precario l'equilibrio finanziario e fa un vero affare. E' un difensore roccioso, ma dal piede molto educato, per cui si fa valere anche in fase di impostazione. Forte di testa, non velocissimo, ma dotato di ottimo senso del piazzamento, riesce spesso a mettere una pezza anche in occasioni che sembrano ormai precarie. Dopo due anni a Busto, passa al Napoli e dimostra ancora una volta tutto il suo valore. In una partita a Ferrara, addirittura, essendo infortunati tutti gli attaccanti, viene schierato al centro dell'attacco e riesce a segnare. Ma il suo posto Ŕ nel cuore della difesa, ove riesce a sfruttare la grande intelligenza tattica e la sapienza tecnica tipica della scuola danubiana. Dopo quattro anni splendidi, passati all'ombra del Vesuvio, la dirigenza partenopea lo bolla come vecchio. In effetti l'etÓ sta avanzando, ma qualcuno dimostra di non credere alla carta di identitÓ. E' il patron della Spal, Mazza, il famoso Mago di campagna, che in questi anni dimostra di avere grande fiuto e spesso ci azzecca scommettendo su giocatori dati per finiti. Anche con Viney, succede la stessa cosa. Il difensore dimostra di avere ancora qualcosa da dire e, nei due anni estensi, ripaga l'investimento, del resto minimo, di Mazza, con un rendimento sempre all'altezza, specializzandosi tra l'altro come rigorista. Soltanto alla fine del 1957, dopo aver dimostrato di essere tutt'altro che finito, lascia l'Italia per tornare a casa.


 
 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.