ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1927-28 Mantova 1D 16 2
1928-29 Mantova 1D 27 11
1929-30 Foggia B
ND
ND
1930-31 Foggia B ND ND
1931-32 Cremonese
B
24
9
1932-33 Cremonese
B
29 7
1933-34 Cremonese
B
24 8
1934-35 Ambrosiana
A
21
4
1935-36 Ambrosiana
A
8
-
1936-37 Alessandria
A
17
4
1937-38 Alessandria
B
31
8
1938-39 Fiorentina
B
18
5
1939-40 Atalanta B 6 2
1940-41 Mantova C 8 5
1941-42 Mantova C 4 -
1942-43 Cavese D 3 -
Dati anagrafici
Cognome Vecchi Nome Eligio
Nato a Mantova Data 16/02/1910
Altezza ND Peso ND
Esordio 2/12/34, Milan-A.Inter 2-2 Ruolo Attaccante
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 -
 -
-


 

Comincia a far parlare di s giovanissimo, nel Mantova, per poi spostarsi a Foggia, in serie B, ove conferma le sue referenze. E' un attaccante dotato di buona tecnica, che per non si attarda in inutili preziosismi e va dritto allo scopo. E' capace di giostrare sia al centro che sull'esterno, anche se il suo ruolo naturale quello di ala. Una serie di buoni campionati nella Cremonese, spingono Pozzani a portarlo a Milano, in nerazzurro. nel primo torneo, fa buone cose, nel secondo non riesce a confermarsi, anche perch la concorrenza forte. Nell'estate del 1936, viene ceduto all'Alessandria, ove trova il suo ambiente ideale. Il gioco dei grigi, permeato spesso di quel furore agonistico che il suo pane quotidiano, si attaglia perfettamente alle sue caratteristiche di combattente e insieme a Robotti, si trasforma nella vera anima della squadra. Al termine del 1937, l'Alessandria cade in serie B e lui si dedica anima e corpo all'obiettivo di riportarla nella massima serie. Purtroppo, il suo prodigarsi viene vanificato dalla sciagurata decisione di mandare via il tecnico Soutschek, cui fa seguito il crollo della squadra, ma lui riesce comunque a farsi notare, tanto che la Fiorentina lo richiede. I viola, infatti, appena retrocessi, hanno bisogno di elementi forti sia dal punto di vista tecnico, che da quello caratteriale e Vecchi l'ideale. Purtroppo, ormai entrato nella zona d'ombra della sua carriera: il contributo da lui dato sempre buono, ma si cominciano a notare i primi segni del declino. Ancora alcuni tornei, a Bergamo, Mantova e Cava dei Tirreni, poi arriva la guerra che lo costringe all'addio.

 
 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.