ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1945-46 Ercolanese
C
ND ND
1946-47 Napoli
A
3
-
1947-48 Napoli
A
14
-
1948-49 Napoli
B
37
3
1949-50 Roma
A
25
4
1950-51 Roma
A
24
3
1951-52 Udinese
A
23
2
1952-53 Brescia
B
25
2
1953-54 Brescia
B
25
1
1954-55 Catania A 11 -
1955-56 Catania B 15 -
1956-57 Catania B -
-
Dati anagrafici
Cognome Spartano Nome Jone
Nato a Castellamare di Stabia (Napoli) Data 08/12/1926
Altezza ND Peso ND
Esordio 1/6/47, Napoli-Inter 1-0 Ruolo Interno
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 -
 -
-

 

Comincia ad Ercolano, in serie C, su uno dei tanti campetti polverosi della provincia campana, mettendosi in buona evidenza, tanto da spingere il Napoli a tesserarlo. In maglia azzurra, dà presto luogo ad una buona crescita tecnica che lo fa diventare titolare indiscusso. In una figurina del 1949, Bruno Slawitz lo presenta come erede di Sallustro e tra i migliori giocatori italiani. Di sicuro è una esagerazione e la dimensione tecnica di Spartano, è più modesta, ma di sicuro non è neanche il brocco, patente che qualcuno vorrà affibbiargli più tardi, nella Capitale. La verità, come al solito, sta nel mezzo. Interno non dotatissimo dal punto di vista tecnico, ma solido e capace di giostrare in lungo e largo, viene adocchiato dalla Roma e acquistato in vista di quel torneo 1949-50 che dovrebbe sancire il passaggio dal Metodo al Sistema predicato da Fulvio Bernardini. Nonostante il caos tecnico e societario, Spartano riesce a farsi valere e fornisce un discreto rendimento, guadagnandosi la conferma per il torneo successivo. E nel 1950-51, l'anno della retrocessione in serie B, è probabilmente tra i meno colpevoli. Tanto da guadagnarsi un posto nell'Udinese, sempre in serie A, ove ancora una volta riesce a farsi apprezzare per serietà e rendimento. Acquistato dal Brescia, rimane con le rondinelle due anni, per poi riemergere in serie A col Catania, cui serve un interno dotato di esperienza e capace di assicurare un certo rendimento in un torneo difficile come la massima serie. Insomma, una buona carriera per un buon giocatore, come stanno a testimoniare in maniera abbastanza eloquente le cento partite disputate in Serie A.


 

 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.