ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1950-51 Atalanta A
5
5
1951-52 Atalanta A
30
-
1952-53 Atalanta A
23
-
1953-54 Atalanta A
28
-
1954-55 Bologna A
25
-
1955-56 Bologna A
11
-
1956-57 Bologna A
23
-
1957-58 Bologna A
30
-
1958-59 Bologna A
17
-
1959-60 Bologna A
14
-
1960-61 Bologna A
5
-
Nov.60 Spal A 23
-
1961-62 Atalanta A 34 -
1962-63 Atalanta A 14 -
1963-54 Atalanta A 2
-
Dati anagrafici
Cognome Rota Nome Gianbattista
Nato a Bergamo Data 18/07/1932
Altezza 1,76 Peso 78
Esordio 13/5/51, Atalanta-Como 2-1 Ruolo Terzino
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 2
 -
16/07/1952
Italia-Usa 8-0

 

Inizia come attaccante nell'Atalanta, la squadra che lo ha visto crescere e nella quale fa il suo esordio in serie A a diciassette anni. Poi, però, si trasforma in terzino, ruolo nel quale può mettere a frutto le doti tecniche e tattiche che possiede. E' ambidestro, per cui un ruolo in prima squadra lo trova sempre. Tosto, tenace, discretamente duro, sa anche come trattare il pallone, retaggio dei suoi inizi da attaccante, per cui quando ha carpito la sfera all'avversario, sa come passarla nel modo più appropriato ai compagni liberi. L'Atalanta non è certo squadra adusa ad attaccare gli avversari, ma se c'è da dare una mano in avanti, si sgancia volentieri. Nel luglio del 1952 partecipa anche alle Olimpiadi di Helsinki, giocando due partite, compresa quella con la grande Ungheria che segna l'eliminazione dell'Italia. Nell'estate del 1954, viene ceduto al Bologna e sotto le torri si ferma per ben sette stagioni. Non è più il Bologna che faceva tremare il mondo, ma lui fornisce comunque un discreto rendimento, soprattutto nelle prime cinque stagioni, quando si fa benvolere per continuità di rendimento e serietà. Nelel ultime due annate, invece, comincia a mostrare la corda, tanto che nel novembre del 1960, viene chiamato a Ferrara da Mazza, il Mago di campagna, per dare una mano a una squadra che ha bisogno della sua esperienza. Poi, il ritorno a Bergamo, ove gioca ancora per tre stagioni, prima di appendere gli scarpini al chiodo e dedicarsi alla nuova carriera di allenatore.

 

 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.