ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1951-52 FK Skovshoved
1952-53 Atalanta A 28 19
1953-54 Atalanta
A
33 15
1954-55 Atalanta
A
33 16
1955-56 Atalanta

A

12

4

1949-50 Legnano B 10 -
1950-51 Treviso B 34 -
1951-52 Treviso B 38 -
1952-53 Treviso B 26 -
Dati anagrafici
Cognome Rasmussen Nome Paul
Nato a Maribo (Danimarca) Data 13/12/1925
Altezza ND Peso ND
Esordio 28/9/52, Atalanta-Juve 1-5 Ruolo Interno
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 -
 -
-

 

Arriva a Bergamo per una sorta di missione impossibile: far dimenticare ai tifosi della Dea Hasse Jeppson, appena partito in direzione Napoli per la bella cifretta di 105 milioni. In patria è stato campione nazionale di lotta greco romana ed è perciò un combattente, uno che non si preoccupa di nulla. In palestra ci è arrivato su consiglio dell'allenatore del Maribo Porto, il quale preoccupato per il suo fisico esile ha pensato bene di fortificarlo da quel punto di vista. Rasmussen si rivela un campione della disciplina, ma non lascia il calcio e ha ragione, perchè con il suo arrivo in italia comincia a guadagnare bene. Rivelatosi proprio nel Maribo a soli 18 anni, in quarta categoria, segnando in una sola stagione la bellezza di 65 reti, conquistando la Nazionale e il tesseramento con lo Skovshoved, viene notato dai dirigenti dell'Atalanta nel corso di una tournèe compiuta in Danimarca. La tecnica non è molto rifinita, ma il suo coraggio e l'impeto con cui si butta su ogni pallone sono rimarchevoli. Gioca indifferentemente da interno, centravanti o ala e ha una terrificante propensione per la rete. Lo dimostra nel corso delle prime tre stagioni italiane, quando viaggia su medie di realizzazione impressionanti, considerato che non gioca in una grande. Poi, l'ultimo giorno del 1955, rimane vittima di uno scontro di gioco a Roma, contro i giallorossi. Cardarelli non si accorge di quanto è successo e lo apostrofa pesantemente in virtù di una antica ruggine. Invece si è rotto i legamenti del ginocchio e da quel momento non giocherà più. Lo stesso Cardarelli rimane a lungo sotto choc e ogni volta che va a Bergamo viene sottoposto ad un trattamento durissimo, in quanto considerato il colpevole dell'incidente di Rasmussen, che invece è solo colpa della fatalità.

 

 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.