ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1940-41 Pirelli
1941-42 Pro Vercelli
C
   
1942-43 Pro Patria
B
2
1
1944 Pro Patria  
-
-
1945-46 Pro Patria
B/C
30
-
1946-47 Pro Patria
B
40
2
1947-48 Pro Patria
A
17
2
1948-49 Pro Patria
A
37
-
1949-50 Pro Patria
A
33
2
1950-51 Inter
A
14
2
1951-52 Torino
A
34
3
1952-53 Cagliari
B
9
1
1953-54 Biellese
IV
5
1
1954-55 Lecco
C
3
-
Dati anagrafici
Cognome Pozzi Nome Piero
Nato a Vercelli Data 18/10/1920
Altezza ND Peso ND
Esordio 21/9/47, Milan-Pro Patria 4-2 Ruolo Mediano
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 -
 -
-

 

Le cronache bustocche degli anni successivi al conflitto, lo indicano spesso come il vero e proprio dominatore della metacampo. E' un mediano completo, forte in fase difensiva e capace di costruire bene il gioco. Un vero maratoneta di lusso, capace di correre per novanta minuti senza veder annebbiata la sua capacità di scegliere la soluzione migliore. La sua carriera inizia nella Pirelli, una delle tante squadrette aziendali che caratterizzano il panorama calcistico italiano di quegli anni. Lo nota la Pro Vercelli, che lo preleva e lo immette in prima squadra. Il suo comportamento risponde alle attese e alla fine della stagione è la Pro Patria ad interessarsi a lui, procedendo all'acquisto. Poi, però arriva la guerra e lui si tiene in allenamento nel torneo di guerra, facendosi così trovare pronto alla ripresa della attività. E qui comincia il suo periodo migliore, che lo vede dar luogo ad una grande partita dopo l'altra. E' uno dei grandi protagonisti del ritorno dei tigrotti nella massima serie e anche a confronto coi grandi del calcio italiano si mostra all'altezza. Nell'estate del 1950, è l'Inter a prelevarlo, ma in nerazzurro si trova a dover contendere il posto ad atleti dal nome molto più altisonante del suo e il suo impiego si fa saltuario. Nonostante ciò non si perde d'animo e quando è chiamato in prima squadra si fa notare. Al termine della stagione viene ceduto al Torino, che dopo la sciagura di Superga sta faticosamente cercando di ricostruirsi e anche in granata fa in pieno il suo dovere. Ormai però, l'età avanza e la dirigenza granata ne prende atto, smistandolo al Cagliari, ove gioca ancora qualche partita prima di tornare verso casa, nelle serie minori.   

 

 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.