ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1953-54 Genoa A 2 -
1954-55 Genoa A 32 1
1955-56 Genoa A 28 6
1956-57 Roma A 32 3
1957-58 Roma A 22 1
1958-59 Roma A 22 5
1959-60 Roma A 27 3
1960-61 Roma A 32 2
1961-62 Roma A 34 3
1962-63 Roma A 26 -
1963-64 Padova B 31 1
1964-65 Padova B 28 -
1965-66 Torino A 6 -
1966-67 Torino A 4 -
1967-68 Piacenza C 38 5
1968-69 Piacenza C 36 5
1969-70 Piacenza B 30 -
Dati anagrafici
Cognome Pestrin Nome Paolo
Nato a San Giorgio di Nogaro (Udine) Data 09/07/1936
Altezza 1,75 Peso 71
Esordio 16/5/54, Udinese-Genoa 3-1 Ruolo Interno
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 -
 -
-


 

E' probabilmente uno dei migliori centrocampisti italiani tra la metÓ degli anni '50 e l'inizio del decennio successivo, anche se non riuscirÓ mai a raggiungere l'azzurro. Interno molto dotato in fase di ripiegamento, dispone di ottime doti di corsa e una grande intelligenza tattica che gli permette di trovarsi sempre nel punto giusto. Formatosi nel Genoa, gioca tre ottimi tornei in massima serie, che attirano sulla sua persona le attenzioni della dirigenza romanista, sino a che sacerdoti decide di rompere gli indugi. Arriva a Roma nell'estate del 1956 trovando subito un posto da titolare in un centrocampo pur ricco di uomini di spicco, che non fanno mancare la concorrenza. Nelle stagioni disputate a Roma, da' luogo ad un rendimento medio molto alto, assicurando concretezza ad una squadra forse troppo abituata a svolazzare. Altra sua caratteristica di rilievo, Ŕ l'ottimo tiro dalla media distanza, che risulta fondamentale nella finale della Coppa delle Fiere del 1960-61, quando una sua botta da oltre venti metri, contro lo spigoloso Birmingham, permette alla squadra giallorossa di mettere in cassaforte il risultato. Poi, a poco il suo rendimento comincia a scemare, anche a causa dell'etÓ che avanza impietosa. Viene ceduto al Padova, e coi biancoscudati torna su ottimi livelli, tanto da meritarsi la chiamata del Torino, ove gioca ancora un paio di stagioni in serie A, prima di approdare a Piacenza, ove appende gli scarpini al chiodo a 34 anni suonati


 
 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito pu˛ essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.