ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1950-51 Malmo FF (Svezia)
1951-52 Legnano
A
32
6
1952-53 Legnano
B
26
3
1953-54 Legnano
A
23
1
1954-55 Legnano
B
34
5
1955-56 Legnano
B
30
4
1956-57 Legnano
B
28
1
1957-58 Legnano
C
19
1
1958-59 Juventus
A
3
-
Dati anagrafici
Cognome Palmer Nome Karl Erik
Nato a Malmo (Svezia) Data 17/04/1929
Altezza ND Peso ND
Esordio 9/9/51, Bologna-Legnano 1-0 Ruolo Interno
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 -
 -
-

 

Arriva anche lui approfittando della vera e propria mania per i nordici che distingue il calcio italiano nell'epoca immediatamente successiva alla guerra. Del resto, svedesi e danesi si sono fatti ammirare dal vivo proprio dai calciatori italiani, buttando fuori la nostra selezione dalle Olimpiadi di Londra del 1948 e dai mondiali brasiliani del 1950 e i resoconti che arrivano in Italia su di loro, sono entusiastici, anche perchè la stragrande maggioranza di loro non ha tanti grilli per la testa e pensa soprattutto a fare il mestiere che ha scelto. In considerazione delle alzate di genio che nel corso degli anni hanno distinto alcuni argentini e brasiliani, non è poco. Il Legnano, che non ha grandissimi mezzi economici, pesca proprio lui, che non è l'ultimo arrivato, anzi. In patria è considerato uno dei migliori in assoluto e uno dei punti di forza della Nazionale, e quando arriva in Italia fa subito capire il perchè. E un interno dotato di tecnica e corsa, capace di caracollare ininterrottamente sul rettangolo di gioco senza perdere lucidità. E una volta venuto in possesso della sfera, sa disegnare geometrie perfette e immaginare soluzioni che ad altri neanche verrebbero in testa. A tratteggiarne un ritratto tecnico eloquente, è il suo compagno di squadra Lupi, ad anni di distanza: "Aveva il calcio nelle vene e una intelligenza pronta dentro e fuori il terreno di gioco. Era il regista della nostra prima linea ed i suoi passaggi sapevano trovare sempre il compagno smarcato: veramente un grande giocatore, oltre tutto estremamente corretto." A Legnano rimane per ben sette stagioni, due in Serie A, quattro in B e una addirittura in C, sempre giocate su livelli di rendimento ottimali, prima di aderire alle proposte della Juventus, ove però non riesce a trovare lo spazio che meriterebbe, anche perchè nel suo ruolo possono giocare Boniperti e Sivori. A lui non resta che accontentarsi di qualche gara, appena tre, senza mai alzare la voce, da quel grande professionista che è. Alla fine della stagione, riprende la via di casa, lasciando un ottimo ricordo.

 

 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.