ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1938-39 HSK Ferraria A ND ND
1939-40 HSK Concordia A ND ND
1940-41 HSK Concordia A ND ND
1941-42 HSK Concordia A ND ND
1942-43 HSK Concordia A ND ND
1943-44 HSK Concordia A ND ND
1944-45 HSK Concordia A ND ND
1945-46 Dinamo Zagreb A ND ND
1946-47 Dinamo Zagreb A 16 -
1947-48 Dinamo Zagreb

A

3

-

1948-49 Lazio

A

-

-

1949-50 Padova A 7 -
1951 Samarios A ND ND
1952 Samarios A ND ND
Dati anagrafici
Cognome Monsider Nome Zvonko
Nato a Zagabria (Yugoslavia) Data 11/04/1920
Altezza ND Peso ND
Esordio 1/1/50, Padova-Genoa 2-2 Ruolo Portiere
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 -
 -
-

 

E' un ottimo portiere, come ha del resto dimostrato in patria, indossando le maglie di Ferraria, Concordia e Dinamo Zagreb, arrivando anche nella massima rappresentativa yugoslava, ove disputa sette gare, dopo aver difeso anche la porta della Croazia nel breve periodo dell'indipendenza. E' un atleta solido e reattivo e la Lazio lo nota in una amichevole disputata a Trieste tra Dinamo e Ponziana, al termine della quale decide di non rientrare in patria. Nella società biancoceleste, però, non giocherà mai, in quanto non arriva il nulla osta della sua federazione. Dopo essersi allenato per un anno e mezzo, la Lazio è costretta a cederlo al Padova, in quanto ha già coperto tutti i posti destinati agli stranieri. Con i biancoscudati, Monsider gioca solo sette partite, dimostrando di essere comunque un portiere vero. Alla fine della stagione, parte per il Sud America insieme all'Hungaria, una squadra che raccoglie atleti del blocco orientale e che effettua partite dimostrative. Trova un ingaggio con il Samarios, ove rimane per due stagioni prima di tornare in Europa, stavolta in Spagna, ove viene ingaggiato dal Barcellona. Anche in questo caso, però, arriva l'intoppo: la federazione iberica decide di bloccare l'arrivo degli stranieri e lui rimane ancora una volta bloccato. Decide perciò di iscriversi al corso per allenatori, conseguendo il patentino, per poi dedicarsi alla preparazione dei portieri, prima in Spagna e poi in Canada, ove si trasferisce nel 1961.

 

 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.