ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 

LA FONDAZIONE - PRIMI PASSI - IL PRIMO DOPOGUERRA - DALL'ADDIO DI BERNARDINI AL RITORNO DI SCLAVI - NASCE IL DERBY - IL GIRONE UNICO - DA SCLAVI A PIOLA - IL REGNO DI ZENOBI - I FRATELLI SENTIMENTI - L'ERA TESSAROLO - VERSO IL BARATRO - LA PRIMA RETROCESSIONE - IL RITORNO IN A - L'ERA LENZINI - ARRIVANO CHINAGLIA E MAESTRELLI - ILTRIONFO - INIZIA L'ODISSEA - IL CALCIOSCOMMESSE - IL FIGLIOL PRODIGO - IL SECONDO CALCIOSCOMMESSE - DALL'HANDICAP ALLA RISCOSSA - L'AVVENTO DI CRAGNOTTI - LA SFIDA - ZEMANLANDIA - SVEN GORAN ERIKSSON - LA BEFFA - UNA STAGIONE INDIMENTICABILE- LAZIO OGGI

IL PRIMO DERBY

I primi dissapori portano alla fuoriuscita di alcuni soci che decidono di fondare la Virtus: Ŕ il primo derby nella storia del calcio romano. Arriva Santino Ancherani, il primo grande attaccante nella storia del calcio romano. Le prime imprese fuori dalle mura cittadine fanno conoscere la Lazio. 

Nel frattempo, da una costola della stessa Lazio (alcuni soci avevano deciso di fuoriuscire dalla casa madre per una serie di dissapori dovuti a gelosia), era sorta la Virtus, e proprio contro questa societÓ fu giocato quello che Ŕ considerato il primo derby della storia romana. La partita, giocata il 16 maggio del 1902 sul campo di Piazza d'Armi, fu vinta dalla Lazio col secco punteggio di 3-0, grazie ad una tripletta del centravanti Santino Ancherani primo grande centravanti della storia laziale, vero e proprio precursore dei vari Piola, Chinaglia, Giordano e Crespo. E l'evento in questione suscit˛ grande curiositÓ se si considera che alcune centinaia di spettatori si assieparono attorno al rettangolo di gioco per assistere alle evoluzioni dei primi footballers romani.
Ben presto la fama della Lazio varc˛ i confini cittadini, e la squadra biancoceleste fu chiamata a confrontarsi fuori Roma. Nel 1907 fu il Comitato toscano a invitare la Lazio per una partita contro la vincente di un torneo regionale. Una volta sul posto per˛, gli accordi furono stravolti, in quanto Pisa e Lucca, le squadre che erano state sconfitte in precedenza dal Livorno, avevano chiesto e clamorosamente ottenuto di poter giocare anch'esse contro la Lazio. La prima partita fu giocata alle dieci del mattino contro Lucca e termin˛ con un facile 3-0. Alle due del pomeriggio fu il turno del Pisa, regolato con un secco 4-0, nonostante il pranzo appena consumato avesse fornito una sgradita zavorra per i footballers biancocelesti. Molto pi¨ ostico, si rivel˛ l'impegno col Livorno, soprattutto a causa della fatica accumulata in precedenza. I biancocelesti, nei quali militava anche un portoghese, Dos Santos decisero perci˛ di giocare in difesa lanciando sporadici contropiede al fine di sfruttare la velocitÓ di Ancherani. Ad una decina di minuti dal termine inflissero il colpo del KO proprio grazie ad una rete del centravanti, lesto ad approfittare di un ribaltamento di fronte. L'impresa assume contorni ancora pi¨ nitidi se si considera che la comitiva laziale era partita da Roma con gli effettivi contati e che con gli stessi undici giocatori aveva dovuto affrontare tutte e tre le partite. Nel corso degli anni precedenti il primo conflitto, la Lazio domin˛ in lungo e in largo il calcio romano e non solo se si considera che nel 1908 and˛ a battere a domicilio il Naples per 3-1 dimostrando una discreta efficienza che per˛ non era ancora mai stata verificata a livello nazionale, in particolare contro rappresentanti di quel calcio del Nord che giÓ aveva raggiunto livelli di eccellenza.

FINALISTA NAZIONALE

Nel 1913 arriva il primo torneo di carattere nazionale: la Lazio arriva in finale dove viene battuta dalla Pro Vercelli. Impresa ripetuta l'anno successivo, quando la Lazio perde col Casale. Ma il gap col calcio nordico continua ad essere profondo, nonostante i progressi palesati dai laziali.

La possibilitÓ di misurarsi col calcio pi¨ evoluto del nord arriv˛ nel 1913 quando la Federazione organizz˛ il primo torneo di carattere nazionale, basato su gironi territoriali. In questo modo si cercava di arrivare all'unificazione calcistica di due mondi che sino ad allora avevano comunicato pochissimo, lasciando il calcio meridionale a livelli molto mediocri. La Lazio domin˛ in lungo e in largo il girone romano, opposta a Roman, Fortitudo e Juventus, per poi battere nella semifinale interregionale la Virtus Juventusque di Livorno. Eliminato il Naples, si trov˛ di fronte nella finale nazionale la Pro Vercelli, quella stessa squadra che soltanto cinque anni prima aveva declinato un invito della Lazio per un torneo a Roma, ritenendo di non aver nulla da guadagnare nel confronto con un calcio reputato di troppo scarso livello. Il preventivato dislivello tra il calcio nordico e quello del centrosud vide una schiacciante conferma in quanto la Pro Vercelli vinse la partita di Genova per 6-0.
La stagione successiva vide la Lazio dominare di nuovo il lotto delle squadre capitoline. Nel corso del torneo romano per˛, si ebbero gravissimi incidenti nella gara tra la Lazio e la Juventus giocata sul campo dell'Olmo, prime avvisaglie della violenza che avrebbe caratterizzato negli anni seguenti la guerra il calcio della Capitale. Travolta la resistenza delle varie Roman, Juventus, Audace, Fortitudo e Pro Roma, tocc˛ alla Spes di Livorno e all' Internazionale di Napoli affrontare la Lazio in semifinale. I labronici se la cavarono con due sconfitte onorevoli (1-0 e 3-0), molto peggio and˛ ai partenopei che, dopo avere perso 1-0 a Roma, furono travolti ad Agnano con un clamoroso 8-0. La Lazio era perci˛ di nuovo in finale, dove avrebbe trovato il Casale che si dimostr˛ inattaccabile. I piemontesi vinsero l'andata con un pirotecnico 7-1 (agevolati anche dal fatto che la Lazio aveva dovuto schierare il cassiere Perugini al posto di Fioranti, fermato a Genova da questioni di lavoro) e il ritorno disputato a Roma con un 2-0, dovuto probabilmente pi¨ alla voglia di non infierire che ad una maggiore resistenza della Lazio.

LA GRANDE GUERRA

La Lazio arriva ancora una volta alla finale nazionale, ma viene fermata dall'arrivo della Grande Guerra. Grande il contributo di sangue della societÓ di Ballerini allo sforzo bellico della Patria: tra morti e feriti scompare la prima grande squadra del calcio romano.

Anche nel torneo successivo la Lazio riuscý ad arrivare in finale, confermando in tal modo la posizione di preminenza conquistata nell'ambito del calcio centromeridionale. La squadra biancoceleste era ormai la formazione da battere, soprattutto negli infuocati derbies romani, nel corso dei quali le rivali cittadine non esitavano a buttarla in rissa pur di prevalere. Pi¨ di una volta la battaglia che si combatteva sul campo, si propag˛ anche alle tribune, per effetto di una rivalitÓ che giÓ in quel lasso di tempo montava ben oltre i limiti del consentito. Netto era per˛ il divario tra i biancocelesti e il resto del lotto, come del resto conferm˛ l'andamento del campionato. 
La stagione, aveva visto la grande novitÓ rappresentata dal trasferimento della squadra nel nuovo campo della Rondinella, un nome che sarebbe diventato un vero e proprio simbolo della gloriosa storia biancoceleste, dovuto ad un increscioso incidente che aveva coinvolto la moglie del Prefetto di Roma, Annaratone, raggiunta da una pallonata mentre passava con la sua carrozza al Parco dei Daini, campo di gioco della Lazio. La furibonda protesta del funzionario, ebbe come effetto la decisione di comprare un terreno sul quale fu costruita la Rondinella, stadio civettuolo e bellissimo sul quale la Lazio avrebbe costruito alcune delle sue pagine pi¨ leggendarie.
Da rilevare comunque che il torneo in questione non si sarebbe mai concluso per lo scoppio della Prima Guerra Mondiale, conflitto al quale la Lazio, come del resto molte altre societÓ italiane, pag˛ un prezzo elevatissimo con la morte e il ferimento di molti suoi atleti, che non avevano esitato ad arruolarsi. Solo per restare alla sezione calcio, da ricordare il ferimento di Levi e Di Napoli. Con lo scoppio della guerra era finita un'epoca del calcio biancoceleste e nuovi attori stavano per soppiantare la societÓ guidata da Ballerini.