ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1939-40 Roma
A
1
-
1940-41 Roma
A
30
-
1941-42 Roma
A
7
-
1942-43 Roma
A
19
-
1944 Roma
B
16
-
1945-46 Roma
A
29
2
1946-47 Roma
A
10
-
1947-48 Roma A 20 1
1948-49 Napoli B 10 -
1949-50 Grosseto C 20 1
1950-51 Latina C 10 -
Dati anagrafici
Cognome Jacobini Nome Paolo
Nato a Roma Data 26/09/1919
Altezza ND Peso ND
Esordio 18/2/40, Liguria-Roma 1-0 Ruolo Interno
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 -
 -
-

 

La sua carriera si svolge quasi interamente nella Roma, la squadra in cui è nato. Milita per ben otto stagioni nella società giallorossa, arrivando spesso ad un passo dalla definitiva affermazione, senza però mai ottenerla. Biancone lo scova nelle file del Trastevere, ove si era trasferito dopo aver cominciato nell'Ostiense. E' un interno dotato di buona tecnica e discreta propensione alla costruzione del gioco, e presto comincia a far parlare di lui, tanto da esordire nella massima serie nel febbraio del 1940, quando già l'Italia è ormai entrata in guerra al fianco della Germania. Nel 1940-41 gioca tutte le partite del torneo, ma probabilmente non impressiona eccessivamente il nuovo tecnico Schaffer, il quale alla fine dell'anno chiede, ed ottiene, l'acquisto di Renato Cappellini, giocatore da lui ritenuto, a ragione, fondamentale per il modulo di gioco che ha in mente. Jacobini rimane comunque nell'orbita della prima squadra, ed ha occasione di scendere in campo sette volte nell'annata che vede la definitiva consacrazione della Roma con la vittoria del suo primo scudetto. Che viene salutata con grande gioia dallo stesso Jacobini, romano e romanista sino alla punta dei capelli. Negli anni successivi, riesce a ritagliarsi uno spazio sempre maggiore in una squadra che, però, sta lentamente, ed inesorabilmente, perdendo valore tecnico. Anche lui viene coinvolto nel marasma di quel periodo, tanto da essere ceduto al Napoli, nell'estate del 1948, motivata anche dal fatto che la Roma, sotto la guida di Bernardini, sta ormai cercando di passare al Sistema. Per lui, che è cresciuto a pane e Metodo e ormai troppo in avanti con gli anni per potersi adattare la nuovo modulo, non c'è più spazio. A Napoli, comincia il suo rapido declino, che lo porta presto sui campetti della provincia, dove chiude la sua carriera.

 
 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.