ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1925-26 Alba Roma
1°D
1
-
1926-27 Alba Audace
DN
11
2
1927-28 Roma
DN
18
3
1928-29 Roma
DN
27
14
1929-30 Roma
A
26
9
1930-31 Roma
A
34
16
1931-32 Roma
A
32
5
1932-33 Roma
A
29
9
1933-34 Pisa
1°D
34
3
1934-35 Pisa
B
29
4
1935-36 Fiorentina
A
5
-
1936-37 Genoa
A
21
9
1937-38 Genoa
A
11
1
1938-39 Parma
C
21
9
1939-40 Mater
C
11
1
1940-41 Mater
C
21
9
1941-42 Ala Littoria
C
11
1
Dati anagrafici
Cognome Fasanelli Nome Cesare Augusto
Nato a Roma Data 19/05/1907
Altezza ND Peso ND
Esordio 10/11/29, Roma-Napoli 2-2 Ruolo Interno
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 -
 -
-

 

E' uno dei tanti ragazzi romani che si appassionano al nuovo sport arrivato dall'Inghilterra e popolano i prati della periferia romana subito dopo la fine della prima guerra, dando luogo ad interminabili partite che finiscono solo al calar del sole. Viene ingaggiato dall'Alba e, quando questa societÓ confluisce nella neonata Roma, viene chiamato a far parte della prima rosa della stessa. E non pu˛ essere altrimenti, in quanto nella stagione che precede l'avvento della Magica, Fasanelli ha messo in mostra doti da giocatore importante. Interno di raffinata grana tecnica, sa costruire il gioco e concluderlo con grande efficacia. E dispone di un ragguardevole stacco di testa, oltre alla capacitÓ di saper scegliere il tempo giusto, che gli permette di segnare molte reti. Diventa subito un punto di forza della Roma testaccina e la tigna con cui gioca, lo rende molto popolare alla tifoseria. In giallorosso gioca per sei stagioni, mettendo a segno ben cinquantasei reti. Nell'estate del 1933, nonostante sia ancora nel pieno delle sue facoltÓ atletiche e tecniche, viene per˛ ceduto al Pisa. A consigliare questa cessione Ŕ l'arrivo dall'Argentina di Scopelli, vero e proprio fuoriclasse che rende inutile la sua presenza in rosa. Per Fasanelli Ŕ un brutto colpo e comincia a perdere qualche colpo, anche se dopo due stagioni coi nerazzurri toscani, lo chiama la Fiorentina. La stagione coi gigliati Ŕ molto negativa, anche perchŔ viene impiegato pochissimo, ma per sua fortuna arriva il Genoa, appena tornato nella massima serie e lo chiama ad indossare la casacca rossobl¨ per una ultima grande stagione nel grande calcio. Ormai l'etÓ comincia a farsi sentire, e, dopo una seconda stagione abbastanza deludente, Fasanelli saluta il calcio che conta: passa prima al Parma e poi fa il suo ritorno a Roma, ove indossa le casacche di Mater e Ala Littoria, prima di appendere gli scarpini al chiodo.

 

 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.