ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 

LA SQUADRA DEL DECENNIO

Non può essere che l'Inter euromondiale di Helenio Herrera. Forte di una difesa praticamente imperforabile e del genio di due veri fuoriclasse come Mazzola e Suarez, il "Mago" Helenio Herrera, riesce a mettere su un complesso fortissimo che, anche grazie ad un modulo utilitaristico, imperniato su difesa e contropiede, riesce ad issarsi sul tetto del mondo per la felicità di Angelo Moratti.

1959-60. La solita Juventus di Sivori e Charles domina il campionato, lasciando una Fiorentina ormai abbonata al secondo posto (quarto di fila!) a ben otto punti di distanza. In pratica non c'è mai discussione sul nome della squadra che vincerà lo scudetto, troppo netto è il divario tra le zebrette e le altre, togliendo al torneo gran parte dell'interesse. Nei posti di rincalzo le due squadre di Milano, mai in lotta per il titolo e ridotte a lottare esclusivamente per una platonica supremazia cittadina.

1960-61. La Juve riesce a bissare il successo dell'anno precedente, ma stavolta i torinesi debbono faticare molto di più per vincere la concorrenza delle squadre milanesi, specie quella dell'Inter che a Torino, per protesta verso la Federazione. manda in campo i suoi pulcini e viene duramente punita perdendo la partita 9-1, nel giorno dell'esordio di sandrino Mazzola, il figlio dell'indimenticato capitano del Grande Torino. E' in pratica il canto del cigno per uno dei migliori giocatori italiani del secondo dopoguerra, Giampiero Boniperti, oltre che la conclusione del grande ciclo di Sivori e Charles.

1961-62. Torna al successo il Milan, ottavo scudetto della sua storia, sulla cui panchina è appena arrivato il "Paron", al secolo Nereo Rocco. Guidato dalla sapienza tattica del brasiliano Dino Sani e dalla classe cristallina del giovanissimo Gianni Rivera, fuoriclasse destinato a caratterizzare quasi due decenni del calcio italiano, il diavolo mette in scena un girone di ritorno favoloso nel quale inanella 31 punti su 34 e lascia a 5 lunghezze l'Inter. Da registrare anche la grandissima annata di Josè Altafini, capace di mettere a segno la bellezza di 22 reti che loconfermano tra i goleador più prolifici del nostro calcio.


IL GIOCATORE DEL DECENNIO

E' Gigi
Riva. Attaccante dotato di straordinaria potenza e grande coraggio, trascina il Cagliari al primo ed unico scudetto della sua storia e si impone come l'attaccante più prolifico nella storia della nostra Nazionale. A frenarne parzialmente la carriera, saranno due gravissimi infortuni, che però non gli impediranno di entrare nel cuore dei tifosi sardi e degli sportivi italiani.

1962-63. Primo titolo dell'era Moratti per l'Internazionale, trascinata da un giovane figlio d'arte, Sandro Mazzola, degno erede del grande Valentino perito a Superga. Sta per iniziare il ciclo euromondiale della squadra meneghina, forte degli investimenti del suo presidente e del periodo migliore di un allenatore come Helenio Herrera, forse il miglior interprete di quel gioco all'italiana che si fonda su una ferrea difesa e sulla capacità di far ripartire immediatamente la propria azione dopo aver stoppato quella avversaria.

1963-64. Ultimo titolo della sua storia per il Bologna, giunto al termine di un torneo tiratissimo e avvelenato da un caso clamoroso di doping che coinvolge proprio la squadra petroniana e che rende necessario lo spareggio di Roma con l'Inter. Nella cornice dell'Olimpico la squadra di Bernardini, guidata da un grande Bulgarelli liquida i nerazzurri con un perentorio 2-0 e si laurea campione, rinverdendo i fasti del grande Bologna di Leandro Arpinati, ovvero lo squadrone che "tremare il mondo fa".

1964-65. Dopo la grande delusione patita nel corso dell'anno precedente, l'Inter di Herrera si rifà abbondantemente vincendo il titolo dopo un derby che si protrae lungo tutto l'arco del campionato col Milan di Nils Liedholm, il quale, partito fortissimo si pianta all'improvviso e crolla nella seconda parte del torneo, consegnando nella maniera più incredibile il tricolore alla rivale cittadina. Il crollo dei rossoneri è anche la conseguenza della gestione di Altafini che, accantonato in un primo momento, torna a corto di preparazione e agevola il trionfo dei cugini.

L'ALLENATORE DEL DECENNIO

E' H.H., ovvero Helenio Herrera, allenatore dell'Inter euromondiale. Forse il maggior interprete del famigerato catenaccio, è capace di riportare l'Inter a primeggiare sulla concorrenza non solo in Italia, ma anche in campo internazionale. La sua fortuna è quella di avere grandi campioni, tanto che negli anni successivi, a Roma, non riuscirà più a ripetere i risultati di Milano.

1965-66. Ancora l'Inter, ormai "euromondiale", per quello che può essere considerato il canto del cigno della vecchia guardia formata dai vari Sarti, Guarneri e Picchi. Il titolo arriva dopo un duello col Bologna, stavolta senza le grandi polemiche di due anni prima, mentre al terzo posto fa capolino il Napoli di Altafini.

1966-67. Quando sembra scontata la riconferma dell'Inter, a sorpresa vince la Juventus di Heriberto Herrera (detto HH2), grazie alla rocambolesca sconfitta dei meneghini all'ultima giornata, sul campo di Mantova, dovuta ad una gigantesca papera di Sarti a pochi minuti dal termine, che scongiura lo spareggio e consegna direttamente il titolo ad una Vecchia Signora che pochi all'inizio della stagione avevano pronosticato.

1967-68. Trionfa il Milan della coppia formata da Pierino Prati e Gianni Rivera, il braccio e la mente, che lascia la seconda, il Napoli di Altafini, a ben nove punti di distacco in un torneo dominato da capo a fondo. E' soprattutto il risultato del ritorno del Paròn Rocco sulla panchina rossonera, che ridà entusiasmo alla vecchia guardia e ricompatta un ambiente che dalla sua partenza verso il Torino ha incontrato svariati problemi.

1968-69. Il decennio si chiude con una clamorosa sorpresa. La Fiorentina della linea verde, guidata da Picchio De Sisti, vince il secondo ed ultimo scudetto della sua storia. Viene così, e in modo clamoroso, sconfitto il pronostico che non la vedeva tra le favorite anche perchè scorrendo i nomi che compongono la squadra di Pesaola era difficile immaginarne la forza. Al secondo posto un'altra forza emergente del nostro calcio, il Cagliari di Riva, Albertosi, Domenghini e Cera, ormai in piena fase ascensionale.