ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1955-56 Roma A 34 12
1956-57 Roma A 33 22
1957-58 Roma A 33 19
1958-59 Roma A 27 15
1959-60 Roma A 17 2
1960-61 Fiorentina A 30 8
1961-62 Roma A 5 1
Nov. 61 Atalanta A 19 6
1962-63 Atalanta A 33 12
1963-64 Juventus A 12 3
1964-65 Juventus A 31 6
1965-66 Juventus A 8 2
1966-67 Verona B 31 5
1967-68 Ascoli C 10 -
Dati anagrafici
Cognome Da Costa Nome Dino
Nato a Rio de Janeiro (Brasile) Data 01/08/1931
Altezza ND Peso ND
Esordio 18/9/55, Roma-Vicenza 4-1 Ruolo Interno
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 1
 1
15/01/1958
Irlanda del Nord-Italia 2-1

 

Forma una splendida coppia con Vinicio nel Botafogo, sulla quale si appuntano gli occhi della Roma. Che vorrebbe portarla all'ombra del Colosseo. Purtroppo, non è possibile, poichè su Vinicio piomba il Napoli, per cui la dirigenza romanista si deve "accontentare" di Da Costa. Che è un interno atipico per il calcio brasiliano. Il suo gioco, infatti, è privo di fronzoli e bada più all'essenziale che alla bellezza del gesto tecnico. A differenza di molti connazionali, preferisce la manovra impostata per linee verticali e in profondità. Molto rapido, ha nel tiro la sua caratteristica fondamentale: quando colpisce la palla, partono delle bordate da far paura, che il più delle volte finiscono la loro corsa in fondo alla rete. Il suo gioco, riflette per molti versi il suo carattere: schivo, introverso, dedito alla professione più che alle feste. Certo, non ricorda l'Adriano che ha impazzato dalle nostre parti sino a poco tempo fa. L'altra sua caratteristica che fa impazzire i tifosi romanisti, è l'implacabile puntualità con la quale segna alla Lazio ogni volta che si trova di fronte il povero Lovati. Nel 1956/57, al secondo anno italiano, vince la classifica dei cannonieri. E' un oriundo e in questa veste papabile per la Nazionale. Con la quale gioca una sola partita, quella con l'Irlanda che praticamente esclude la nostra selezione dai mondiali svedesi del 1958: anche in quella occasione, Da Costa non smentisce il suo fiuto del goal, ma non basta poichè l'Italia perde la partita e il passaporto per la kermesse iridata.

 

 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.