ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1929-30 Roma A 6 -
1930-31 Roma A 5 -
1931-32 Roma A 4 -
1932-33 Sampierdarenese B 31 1
1933-34 Sampierdarenese B 34 -
1934-35 Sampierdarenese A

8

-

1935-36 Lecco C 4 -
1941-42 Ambrosiana A 23 -
1942-43 Ambrosiana A 27 -
Dati anagrafici
Cognome Bossi Nome Mario
Nato a Roma Data 23/01/1909
Altezza ND Peso ND
Esordio 18/5/30, Genoa-Roma 3-1 Ruolo Mediano
Nazionale
Pt Rt  Esordio
 -  - -

 

E' uno dei tanti prodotti del vivaio romano che caratterizzano la prima fase della storia della Roma, quando si decide di puntare forte sul vivaio per costruire un legame saldo con la città. Scelta che viene ampiamente premiata dalla grande massa dei tifosi romani, che scelgono senza esitazione i colori giallorossi, come dimostra la cronaca del "Littoriale" del primo derby della storia, quando il cronista afferma che se era certa la prevalenza di tifosi della Roma, non era invece prevedibile la proporzione schiacciante di questa supremazia. Mediano estremamente grintoso, non troppo dotato dal punto di vista tecnico, viene chiamato a far parte della prima squadra nel 1929-30, distinguendosi per la generosità con la quale è solito affrontare la contesa. Anche per lui, come per tanti altri ragazzi romani, difendere la maglia della squadra cittadina diventa un motivo di grande orgoglio e una sorta di doping psicologico, soprattutto nelle partite disputate a Testaccio. E proprio per questo, rifiuta compensi dalla società, sulla falsariga di quel Carpi, che è stato il capostipite della tendenza. Gioca per tre stagioni, venendo impiegato saltuariamente, in quanto davanti a lui ci sono veri e propri mostri sacri come Ferraris IV, D'Aquino e Bernardini, ma ogni volta che viene chiamato  a giocare esprime il massimo di cui dispone, come è abituale per tutti gli elementi indigeni quando vengono chiamati a difendere i colori capitolini. In una società ambiziosa come la Roma degli anni '30, tutto questo non è però sufficiente, se la generosità non è supportata da adeguate doti tecniche. Nel 1932-33 passa alla Sampierdarenese, ove, secondo il Littoriale dell'epoca. si distingue come miglior centromediano della serie cadetta. Il giornale romano, imbastisce anche una polemica sulla tendenza in atto nella Capitale, ove la vita per i prodotti locali si sta facendo sempre più difficile, ma la verità è che le ambizioni della Roma sono sempre più alte, con quello che ne consegue in una rosa di prima squadra, ove la grande qualità sta rendendo la vita difficile anche a giocatori navigati. E del resto, Bossi, negli anni a seguire, comincerà un inesorabile declino che, dopo le tre stagioni passate a Genova lo vedranno eclissarsi dalle scene del grande calcio, imboccando precocemente la strada del tramonto.

 

 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.