ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1969-70 Solbiatese C 1 -
1970-71 Solbiatese C 36 -
1971-72 Sampdoria A 23 1
1972-73 Sampdoria A 29 2
1973-74 Sampdoria A 26 2
1974-75 Sampdoria A 21 -
1975-76 Roma A 19 -
1976-77 Roma A 27 -
1977-78 Roma A 18 -
1978-79 Roma A 16 -
1979-80 Pescara A 23 -
1980-81 Pescara B 23 -
1981-82 Cremonese B 25 1
1982-83 Cremonese B 15 -
1983-84 Novara C2 21 5
1984-85 Legnano C1 29 -
1985-86 Legnano C1 30 -
1986-87 Legnano C1 18 -
1987-88 Fanfulla INT ND ND
1988-89 Fanfulla INT ND ND
1989-90 Fanfulla INT 26 1
Dati anagrafici
Cognome Boni Nome Loris
Nato a Remedello di Sotto (Bolzano) Data 14/01/1953
Altezza 1,76 Peso 73
Esordio 3/10/71, Sampdoria-Bologna 2-1 Ruolo Mediano
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 -
 -

-


 

Inizia alla Solbiatese, mettendo subito in mostra doti podistiche di eccezione. Corre senza fermarsi  mai e il suo moto perpetuo risalta ancora di più per i capelli biondi che ondeggiano al vento. Oltre alal corsa, però, ha doti tecniche che è difficile trovare in un mediano e ben presto gli osservatori lo notano e lo segnalano. E' la Sampdoria ad arrivare prima degli altri e ad assicurarsi le sue prestazioni. Sin dalle prime gare in massima serie, dimostra di non risentire del salto di categoria e questo depone anche a favore della sua personalità. Dopo quattro anni, uno migliore dell'altro, che lo hanno portato anche a vestire l'azzurro delle giovanili, passa alla Roma che sborsa ben 800 milioni per averlo. La sua straripante vitalità colpisce subito la Curva Sud e la sua crescita sembra inarrestabile e sul punto di portarlo alla Nazionale maggiore. Poi, però arriva il derby di ritorno del 1976 e Chinaglia gli spezza una gamba. Da quel momento, non è più lui. Torna in campo, ma non riesce più a ritrovare le vette di rendimento abituali. Corre sempre tanto, ma sembra che qualcosa si sia inceppato in lui e ai buoni propositi difficilmente fa seguito un rendimento tecnico all'altezza. Nelle tre stagioni che gioca ancora con la Roma, fa praticamente da comparsa, con grande rimpianto di quella tifoseria che ne aveva enormemente apprezzato la generosità e la bravura. Una volta dismessa la maglia della Roma, gioca ancora col Pescara in serie A e B, ma senza grandi guizzi, anche se la sua maglia sempre zeppa di sudore lo fa benvolere in ogni piazza ove gioca. Passa quindi alla Cremonese, ove rimane un biennio, prima di passare al Novara, nel calcio semiprofessionistico. Da questo momento non riesce più a riemergere dalle categorie inferiori e declina tristemente. Gioca ancora a Legnano e poi al Fanfulla, prima di decidersi a lasciare il calcio giocato.

 

 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.