ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1947-48 Lanciotto Campi
1948-49 Fiorentina
A
1
-
1949-50 Fiorentina
A
-
-
1950-51 Pisa
B
20
6
1951-52 Piombino
B
38
17
1952-53 Fiorentina
A
15
2
1953-54 Torino
A
20
5
1954-55 Marzotto
B
25
11
1955-56 Marzotto
B
24
5
1956-57 Padova
A
3
-
1957-58 Marzotto
B
34
18
1958-59 Taranto
B
12
3
1959-60 Taranto
B
37
8
1960-61 Taranto
C
33
8
1961-62 Taranto
C
31
14
1962-63 Taranto
C
22
4
Dati anagrafici
Cognome Biagioli Nome Pietro
Nato a Campi Bisenzio (Firenze) Data 25/08/1929
Altezza ND Peso ND
Esordio 12/6/49, Torino-Fiorentina 2-0 Ruolo Interno
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 -
 -
-

 

La Fiorentina lo preleva dal Lanciotto, una squadretta cittadina ove ha cominciato a tirare i primi calci al pallone. Fa il suo esordio in serie A giovanissimo, per poi fare tanta tribuna ad osservare un certo Pandolfini, che proprio in quel lasso di tempo si sta per affermare ai massimi livelli. Sono due giocatori simili, portati entrambi a costruire il gioco e a concluderlo, ma Pandolfini ha qualcosa in più e si vede chiaramente. Nell'estate del 1950, la società gigliata lo manda a Pisa, per fargli fare esperienza e di lì, a Piombino. Soprattutto nella seconda stagione fa vedere grandi miglioramenti, convincendo la dirigenza a riportarlo a casa. Nel 1952-53 gioca con discreta continuità, ma si nota chiaramente che non è all'altezza dei compagni più famosi. La Fiorentina sta mettendo sù uno squadrone e di lui non c'è bisogno, per cui viene ceduto al Torino. In Piemonte disputa una stagione non disprezzabile, ma evidentemente da lui si pretende qualcosa in più. Alla fine della stagione, viene ceduto al Marzotto e da quel momento la sua carriera di alto livello, può dirsi finita, anche se avrà ancora una chanche a Padova. Si è ormai trasformato in uno di quei giocatori che vengono definiti di categoria: nelle serie minori sono spesso decisivi, in serie A si perdono. Avrà ancora qualche grande annata, come quella al Marzotto, nel 1957-58, quando segna la bellezza di diciotto reti, ma la serie A gli rimarrà preclusa.

 

 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.