ARCHIVIO STORICO
 HOME

 STORIE

 SQUADRE

 CAMPIONATI

 GIOCATORI

 COPPA ITALIA

 MONDIALI

 BIG MATCH

 COMMUNITY

 LINKS

 CREDITS

 CONTATTI

 



 
   
Anno

Squadra

Serie PT RT
1921-22 Padova
1°D
22
5
1922-23 Padova
1°D
21
3
1923-24 Padova
1°D
22
3
1924-25 Padova
1°D
24
3
1925-26 Padova
1°D
20
5
1926-27 Milan
DN
27
6
1927-28 Milan
DN
2
-
1928-29 Roma
DN
23
1
1929-30 Roma
A
22
1
1930-31 Roma
A
-
-
1931-32 Bari
A
5
1
Dati anagrafici
Cognome Barzan Nome Gianangelo
Nato a Adria (Venezia) Data 24/11/1901
Altezza ND Peso ND
Esordio 13/10/29, Roma-Cremonese 9-0 Ruolo Terzino
Nazionale
Pt
Rt
 Esordio
 -
 -
-

 

Si afferma giovanissimo nel Padova, ove si dimostra uno dei migliori difensori del nostro calcio. E' bravo in fase difensiva, ma anche quando si spinge in attacco non se la cava male, tanto da segnare diciannove volte in cinque anni. Nel Padova, gioca sempre su altissimi livelli di rendimento, tanto da entrare nel giro delle squadre nazionali e sono in molti ad accorgersi di lui. Quando arriva la chiamata del Milan, effettua il salto nel capoluogo meneghino, sulla sponda rossonera dei Navigli, ove gioca una prima stagione sui consueti livelli, per poi perdersi un poco nella seconda, nel corso della quale colleziona solo due presenze. Per sua fortuna, la Roma alla ricerca di elementi in grado di fargli fare il salto di qualit che nei suoi ambiziosi programmi e decide di ingaggiarlo. Nelle prime due stagioni fa vedere tutta la sua classe. I compagni lo chiamano "il professore" per i modi distinti e per il suo vezzo di ridurre tutto a puro ragionamento. A tavola ha l'abitudine di spiegare con bicchieri e posate le azioni che lo hanno visto protagonista e, immancabilmente, se l'avversario diretto ha segnato una rete, per fortuna non succede spesso, giustifica l'evento discettando su come lo stesso abbia sbagliato movimento. E proprio la freddezza del suo gioco si trasforma alla lunga in un limite, soprattutto in un ambiente passionale come quello romanista. Di fronte alla irruenza di un De Micheli, pronto a gettare il cuore oltre l'ostacolo ad ogni gara, il suo approccio scientifico perde molto valore agli occhi di una tifoseria sanguigna, che perdona molto a chi offre tutto s stesso alla causa, meno a chi mostra un distacco che suona come menefreghismo. Con l'arrivo del torello Bodini, per lui gli spazi si chiudono drasticamente. Nella terza stagione non vede praticamente mai il campo e si limita a giocare nelle partite della squadra riserve ed ammirare le evoluzioni dei compagni, in lotta per lo scudetto, dalla tribuna. La dirigenza prende atto delle scelte del tecnico e alla fine dell'anno Barzan prende la strada di Bari, ove conferma di essere ormai in fase calante. La sua ottima carriera, volge ormai al termine.

 

 Attenzione. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del sito può essere riprodotta neanche in maniera parziale, se non chiedendo espressa autorizzazione. Eventuali trasgressori saranno puniti a norma di legge.